Glitter & Champagne
IMG_9105

È da parecchio che non posto sul blog la ricettina di un dolcetto.
Oggi lo voglio fare con la ricetta di una crostata vegana con marmellata di fragole e fragole fresche  a pezzi.

Ho usato la marmellata di fragole che ho fatto io l’anno scorso (l’ultimo vasetto della stagione!) ed ho apportato qualche modifica alla ricetta originale.
Come potrete vedere dalle foto, la torta non è perfettamente rotonda ma ha una forma “irregolare”! Questo è dato dalla difficoltà che ho avuto nello stendere l’impasto ed ho capito che probabilmente avrei dovuto aggiungere un po’ più di latte di soia, se a voi succede potete tranquillamente aggiungerlo.
Questa è una torta sicuramente salutare non contenendo uova, burro, latte o zucchero bianco, leggera ed adatta alla colazione.

Se volete vedere le altre mie torte vegane le trovate QUI, QUI e QUI.
Buon appetito ❤

 

 
Ricetta:
150 grammi di farina ( che io ho sostituito con farina integrale)
250 grammi di farina di grano saraceno ( che io ho sostituito con quella di farro )
1/2 bustina di lievito
Un pizzico di sale
Un pizzico di cannella
La buccia di un limone grattugiata

Amalgamare questi ingredienti e a parte unire

50 grammi di zucchero di canna
45 grammi di olio di semi
45 di latte vegetale ( io ho usato latte di soia alla vaniglia)

Amalgamate questi ingredienti ed aggiungeteli ai secchi impastandoli.
Lavare e tagliare le fragole a pezzetti, creare la base della crostata con una parte dell’impasto, ricoprire la base con la marmellata di fragole, aggiungere le fragole a pezzi e premerle sulla base, ricoprire con il rimanente impasto e pressarlo un po’.
Infornate a 180 gradi per 30 minuti circa.

 

 

E come dice colei che mi ha dato la ricetta: fate raffreddare prima di divorarla!

 

About author View all posts Author website

Rossella Santini

Sono una sognatrice (anche troppo) romantica, ottimista, solare (per forza, sono del leone!) e un po' logorroica, amante dell'arte, della letteratura, di viaggi, libri, di fotografia e naturalmente della moda. Ah dimenticavo: adoro i glitter e ovviamente lo champagne (di ottima annata!)

11 CommentsLeave a comment

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Translate »