Glitter & Champagne
6F5798C7-209A-456C-AF5E-EDD803B69FD0

Qualche tempo fa sono stata invitata ad assaggiare un prodotto dolciario mai provato prima: la focaccia (dolce) pasquale. Incuriosita dal nome non mi sono certo fatta pregare ed ora vi dico cosa ne penso.

Fraccaro Spumadoro nasce nel 1932, quando Elena e Giovanni Fraccaro fondano una panetteria all’interno delle mura di Castelfranco Veneto, dando inizio a una tradizione dolciaria con un futuro promettente.

L’azienda Fraccaro Spumadoro produce dolci con lievito madre dal 1932. Si tratta di un’azienda familiare che produce artigianalmente i propri prodotti, pur essendosi trasformata nel tempo in un’industria dolciaria. Il segreto del sapore dei suoi prodotti sta proprio in questa doppia anima.

La Focaccia Carta Verde, l’alternativa veneta alla Colomba Pasquale.

La Focaccia era originariamente il dolce dei poveri. In occasione delle feste veniva preso l’impasto base del pane e gli venivano aggiunte uova, burro e zucchero in quantità moderata per non far aumentare troppo il prezzo. Poi il dolce veniva cotto nei forni a legna.
Fraccaro ha creato una Focaccia davvero unica. Solo materie prime di elevata qualità per realizzare un morbido impasto profumato. Gradevolmente dolce, ha una delicata glassatura di granella di zucchero. Tale è l’apprezzamento dei clienti per questo prodotto che è diventato disponibile tutto l’anno, non solo nel periodo Pasquale, diventando uno dei prodotti di punta della produzione dolciaria di Fraccaro.

A me è piaciuta molto, leggera, per chi come me non sopporta ne i canditi all’interno, ne le mandorle sopra come nelle classiche colombe, l’ho trovata l’ideale per le mie colazioni accompagnata da un bel cappuccino.
Peccato sia già finita!
Buon fine settimana a tutti voi!

 

About author View all posts Author website

Rossella Santini

Sono una sognatrice (anche troppo) romantica, ottimista, solare (per forza, sono del leone!) e un po' logorroica, amante dell'arte, della letteratura, di viaggi, libri, di fotografia e naturalmente della moda. Ah dimenticavo: adoro i glitter e ovviamente lo champagne (di ottima annata!)

7 CommentsLeave a comment

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Translate »