Glitter & Champagne

 

Buongiorno a tutti, oggi voglio proporvi un articolo scritto da una ragazza alla quale mi ero rivolta un paio di anni fa per la creazione del mio blog! Un’esperta del settore “web“, visto che il suo lavoro è creare siti, blog, web marketing e quant’altro! Lei è Maddalena Pisani di Studio Madesign e le ho chiesto di provare a spiegare perché secondo lei è importante avere un blog, che cos’è e come si può gestire.. Il risultato è stato questo che troverete di seguito, vi consiglio di leggerlo perché è molto interessante!

 

Perché fare blog è così importante?

Il blog non è il sito web.
Il blog non sono (solo) le News.
Il Blog è un lavorone!
E te lo dico così, su due piedi, senza però destare allarmismi. Creare, gestire e mantenere un blog è tanta cosa, richiede tempo, impegno, costanza e oggi, per la tua attività online, è indispensabile se vuoi emergere e farti riconoscere.

Come dice Francesca Marano il blog non è altro che un posto in cui condividere contenuti utili per i tuoi lettori (potenziali clienti), studiando in modo strategico un calendario editoriale al servizio della tua professione per aumentare le vendite.

Per diventare una blogger di successo bisogna farsi un mazzo tanto. Se hai sito web, beh il blog è un’altra cosa. Il sito è il posto internettiano dove dici al tuo cliente chi sei, ma soprattutto cosa puoi fare per lui, che sei lì per lui e che gli risolvi quel problema con le tue capacità e competenze, elencandogli i benefici che avrà dalla tua collaborazione e dal tuo intervento.

Il blog, invece, è quel posto in cui tu alzi la mano e dici al mondo: “hey, io so fare questa cosa (o ho imparato quest’altra) e la voglio condividere con te perché so che ti può aiutare”. Una persona, tempo fa, mi disse: quello che condividi ti deve fare quasi male, da quanto per te è importante. Solo allora, riceverei tanto quanto hai condiviso e molto di più.

In altre parole: crea contenuti di qualità, pubblica articoli in grado di far breccia nel tuo pubblico perché attraverso il blog puoi parlare faccia a faccia con lui, puoi accorciare le distanze. Un privilegio che prima era impossibile da ottenere con i mass media.

Tutto questo non solo per arrivare ai tuoi obiettivi ben precisi, bensì per continuare a mantenere il ritmo. Anzi, più vai avanti, più la faccenda diventa complessa (non ho detto complicata!) per gestire e scrivere articoli. Ma una buona pianificazione ti salverà! Un calendario editoriale ti permetterà di raggiungere obiettivi eccellenti.

 

Cos’è un calendario editoriale?

Il calendario editoriale è un posto su cui segnare i temi principali di vuoi scrivere sul blog. Es: Come incrementare le visite sul tuo eshop. Lo puoi creare sulla tua agenda cartacea o quella online (ad esempio EverNote) segnando le date in cui li vuoi pubblicare e con che frequenza (1 volta alla settimana sarebbe l’ideale).
Oppure puoi creare una semplicissima tabella in excel mensile o annuale dove segnare le festività e gli eventi dell’anno in corso e poi i temi dei tuoi articoli. Quest’anno sto facendo proprio così e qui te lo racconto.

 

Ecco come faccio il mio calendario editoriale

Scrivo su Word le date e a fianco il tema principale (1 articolo alla settimana / 4 in un mese) per 3 mesi consecutivi (es. Gen/Feb/Mar).

La settimana prima della pubblicazione dell’articolo penso al tema e comincio a sviscerarlo in 3 o 4 sotto capitoli in Word. Se ho un’idea fulminante la scrivo subito su Google Keep , che mi ha cambiato la vita. Basta post-it cartacei volanti, ora solo post-it digitali e tutti ordinati e catalogati. Cerco l’immagine adatta per l’articolo, assemblo tutto su WordPress e via a pubblicare

Ok, non è una passeggiata fare blogging, ma sai che soddisfazioni poi! Ti ho convinta oppure adesso hai solo voglia di svignartela a gambe levate? Io quoto, la prima, eh! Vieni qui nei commenti e raccontami.

 

About author View all posts Author website

Rossella Santini

Ciao, sono Rossella, faccio la blogger, scrittrice freelance, consulente d’immagine e personal shopper. Le mie passioni più grandi sono l’arte, la letteratura, i viaggi, la fotografia e naturalmente la moda, che considero una forma d’arte. Ho collaborato con diversi brand, facendo recensioni dei loro prodotti o scrivendo per loro alcuni articoli mantenendo sempre il mio stile. Faccio consulenze tecniche di moda per ogni tipo di clientela o per le aziende, studio le tecniche di analisi per la valorizzazione dell’immagine, analisi del colore e la psicologa dell’acquisto. Ah dimenticavo: adoro i glitter e ovviamente lo champagne (di ottima annata!)

24 CommentsLeave a comment

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »